SCREENING MAMMOGRAFICO

Il tumore al seno è una malattia potenzialmente grave se non è individuata e curata per tempo, ed è causata
dalla moltiplicazione incontrollata di alcune cellule della ghiandola mammaria che si trasformano in cellule
maligne. La neoplasia al seno colpisce 1 donna su 8 nell’arco della vita, e rappresenta una parte di
percentuale di tutti i tumori femminili.

Prevenzione

È possibile ridurre il proprio rischio di ammalarsi con un comportamento attento e con pochi esami
di controllo elencati più sotto:
La mammografia è il metodo attualmente più indicato per ladiagnosi precoce. In anni recenti la
discussione sulla utilità della mammografia (che individua molti tumori, come i carcinomi duttali in situ, che
non avrebbero probabilmente bisogno di trattamenti aggressivi) ha portato gran parte dei medici a
considerare la possibilità di suggerire età di esordio e frequenza della mammografia sulla base delle
caratteristiche della singola paziente piuttosto che sulla base di linee guida e screening uguali per tutte.
L’ecografia è un esame molto valido per esaminare il seno giovane, (su suggerimento del medico) dato che
in questo caso la mammografia non è idonea.
La risonanza magnetica viene riservata ai seni molto densi o ai dubbi diagnostici, sebbene possa essere di
grande aiuto in casi specifici.
La visita: è buona abitudine fare una visita del seno presso un ginecologo o un medico esperto almeno una
volta l’anno, indipendentemente dall’età.
L’autopalpazione: è una tecnica che consente alla donna di individuare precocemente eventuali
trasformazioni del proprio seno.
I test genetici per la ricerca dei geni BRCA1 e 2, responsabili di alcune forme ereditarie di cancro del seno,
sono strumenti di prevenzione utili in situazioni particolari, in cui lo studio della genealogia di una persona
evidenzia specifiche caratteristiche di trasmissione della malattia. In caso di positività è possibile rafforzare le
misure di controllo con mammografie ed ecografie molto ravvicinate per identificare il tumore in una fase
precoce qualora dovesse presentarsi oppure è possibile ricorrere, in caso molto particolari, alla ovariectomia
e/o mammografia preventiva.

Leave a reply